L'effetto di nutrienti e oligoelementi

azoto:
Serve principalmente per la costruzione di proteine. Pertanto, l’azoto è considerato il “motore” della crescita vegetativa.
fosforo:
Le piante richiedono fosforo, soprattutto per la formazione di proteine ​​(enzimi). Il fosforo favorisce la formazione di fiori e frutti
potassio:
Regolazione del bilancio idrico. Aumenta la resistenza al gelo della pianta. Il potassio aumenta la stabilità e la resistenza agli agenti patogeni fungini e agli insetti succhiatori.
zolfo:
Utilizzato principalmente per accumulare proteine. Promuove numerosi processi metabolici.
rame:
Promuove la produzione di clorofilla e la fotosintesi attivando gli enzimi.
zinco:
Promuove la formazione di clorofilla e auxina attivando gli enzimi.
ferro:
Serve attraverso il controllo delle attività enzimatiche, in particolare la sintesi della clorofilla e delle proteine ​​e la respirazione.
manganese:
Serve attraverso il controllo delle attività enzimatiche, in particolare la sintesi della clorofilla e delle proteine ​​e la respirazione.
Bor:
Coinvolto nella costruzione delle pareti cellulari; promuove la formazione di fiori e frutti.
molibdeno:
Promuove la degradazione del nitrato nella pianta e il legame N dei batteri noduli.
magnesio:
Essendo un elemento fondamentale per la clorofilla, il magnesio è indispensabile per la fotosintesi. Inoltre, promuove numerosi processi metabolici, come la respirazione, la sintesi proteica, la formazione di ATP (fonti di energia nelle cellule) e altre reazioni enzimatiche.
calcio:
Importante elemento costitutivo delle pareti cellulari. Inoltre, è necessario per numerosi processi, come la respirazione, la divisione cellulare e l’estensione cellulare. Nel terreno il calcio promuove il Bodengare in modo decisivo mediante la cementazione delle particelle del terreno causando un miglioramento della struttura.